Cenni sui reperti

Gli antenati delle più moderne e costose apparecchiature radiologiche occupano un posto di prestigio al primo piano dell’Istituto di Radiologia dell’Università di Palermo. Con la visita del Museo, si compie un viaggio nel tempo alla riscoperta dell’”uovo elettrico dell’abate Nollet”, dei tubi a raggi catodici, dei cristalli, delle ampolle e degli affascinanti marchingegni che hanno fatto grande la storia della scienza. Il Museo della Radiologia di Palermo è uno dei pochissimi esistenti al mondo ed è stato inaugurato nel dicembre del 1995, in occasione delle celebrazioni per il centenario della scoperta dei Raggi X da parte di Wilhelm Conrad Röntgen, la cosiddetta fotografia dell'invisibile. Tra le collezioni conservate sono molto interessanti quelle di radiogrammi risalenti agli inizi del Novecento, la biblioteca contenente volumi e pubblicazioni scientifiche di interesse storico e l'archivio ricco di documenti di vario genere, tra cui interessanti carteggi dei maestri della radiologia del passato. Di particolare interesse scientifico e didattico sono la collezione di tubi radiogeni e di tubi a raggi catodici, la raccolta di documenti e strumenti appartenuti a eminenti figure della radiologia e delle scienze collegate.

 

Indirizzo:

Piazza delle Cliniche, 2 - 90127 Palermo


Autobus:

bus 109 234 246 318


Visita il sito



Nostre Convenzioni

Ingresso gratuito.

Valido solo per il possessore della PMO CARD

parzialmente nuvoloso ( giorno )
22°